Il Percorso di una Stella

Bruna Radice nasce a Lodi nel 1955. Frequenta la Scuola di ballo del Teatro alla Scala dove si diploma nel 1973; nello stesso anno, nell'ambito degli scambi culturali promossi dal Teatro, partecipa al corso annuale di perfezionamento alla scuola del Teatro Bolshoi di Mosca. Al ritorno dalla Russia lavora con il gruppo di Carla Fracci in attesa del concorso alla Scala che vince nel 1976 in qualità di "solista".

Le stagioni teatrali seguenti la vedono impegnata in ruoli solistici ed è nel balletto "Scherasade" di Beriosoff che le viene affidato per la prima volta un ruolo da protagonista. Altro evento importante è la partecipazione al balletto "Signorina Giulia" tratto dal romanzo di August Strindberg, della coreografa Birgit Culberg (1980).

Prosegue, danzando nei balletti del repertorio classico curati da importanti coreografi della scena internazionale: Lago dei Cigni, Giselle, Don Chisciotte, Schiaccianoci, Bella Addormentata, La Bisbetica Domata.

Particolarmente importante l’incontro con il coreografo afro americano Alvin Ailey con il quale lavora alla preparazione del balletto "Memoria" (1988/89) che danzerà come protagonista nella serata a Lui dedicata.

Altri numerosi balletti moderni la vedono impegnata, fra cui "La jeune fille et la mort" di Magui Marin, "Speaking in tongues" di Paul Taylor, "Fall river legend" di Agnes de Mille, "Indoors" di Elisa Monte, "Il nido dell’aquila" e "Notte nei Giardini di Spagna" di Louis Falcoe altri ancora.

E' la prima ad interpretare alla Scala il Balletto "Five Tangos" di Hans van Manen.

Nel 1981 prende parte alla tournée del Corpo di Ballo della Scala al Metropolitan Theatre di New York con Rudolf Nureyev, Carla Fracci, Margot Fonteyn nei balletti Giselle, Giulietta e Romeo, La Sagra della Primavera del coreografo Glenn Tetly che la vede protagonista e nello stesso anno viene promossa "prima ballerina".

Partecipa ai numerosi balletti di G. Balanchine che vengono prodotti durante la direzione del Corpo di ballo scaligero da parte della Signora Patricia Neari: "Balletto Imperiale", "I quattro Temperamenti", "Serenade", "Square Dance", etc. Lavora inoltre in balletti dei coreografi Roland Petit (Proust), Maurice Bejart (L'Uccello di fuoco), Mario Pistoni (La Strada, I Promessi Sposi).

Partecipa alle tournèe Scaligere in Argentina e Brasile (1983), Francia (1983/84) In Giordania al seguito della visita ufficiale del Presidente della Repubblica Sandro Pertini (1984), ancora negli USA nel 1986, in Giappone (1995) e in Spagna (1998).

Continuando la professione, dopo un corso di due anni, si diploma " Maitre de Ballet" presso la scuola di Formazione Professionale del Teatro alla Scala dove conclude il rapporto di lavoro nell'anno 2000 partecipando come assistente e Maitre alle produzioni di colleghi coreografi.

Oggi si dedica all'insegnamento nella sua Scuola di Danza.